Lo stile Low Cost di Papa Francesco

Pope Francis smiles as he answers reporters questions during a news conference aboard the papal flight on the journey back from Brazil, Monday, July 29, 2013. Pope Francis reached out to gays on Monday, saying he wouldn't judge priests for their sexual orientation in a remarkably open and wide-ranging news conference as he returned from his first foreign trip. "If someone is gay and he searches for the Lord and has good will, who am I to judge?" Francis asked. His predecessor, Pope Benedict XVI, signed a document in 2005 that said men with deep-rooted homosexual tendencies should not be priests. Francis was much more conciliatory, saying gay clergymen should be forgiven and their sins forgotten. Francis' remarks came Monday during a plane journey back to the Vatican from his first foreign trip in Brazil. (AP Photo/Luca Zennaro, Pool)

Pope Francis smiles as he answers reporters questions during a news conference aboard the papal flight on the journey back from Brazil, Monday, July 29, 2013. Pope Francis reached out to gays on Monday, saying he wouldn’t judge priests for their sexual orientation in a remarkably open and wide-ranging news conference as he returned from his first foreign trip. “If someone is gay and he searches for the Lord and has good will, who am I to judge?” Francis asked. His predecessor, Pope Benedict XVI, signed a document in 2005 that said men with deep-rooted homosexual tendencies should not be priests. Francis was much more conciliatory, saying gay clergymen should be forgiven and their sins forgotten. Francis’ remarks came Monday during a plane journey back to the Vatican from his first foreign trip in Brazil. (AP Photo/Luca Zennaro, Pool)

Continua in Vaticano e nella Chiesa “l’effetto Francesco”, il suo stile improntato alla semplicità ed all’umiltà prosegue a segnare il nuovo corso dei tempi. Il Santo Padre, ha cambiato e sta cambiando anche lo stile della Curia, Cardinali e Vescovi sono in parte in difficoltà, quest’ultimi presantano indecisioni e dubbi nel porsi al pubblico, dopo che Papa Francesco nel vestire, nell’agire e nel presentare la Chiesa, ha spostato tutto sulla sostanza e sulla semplicità. Come ha dichiarato a Diretta News , il signor Ghezzi, titolare di una sartoria ecclesiastica in via dei Cestari (Roma), Papa Francesco ha fatto in parte diminuire le vendite, o comunque ha: “abbassato lo scontrino medio”, poiché Cardinali, Vescovi e semplici preti, comprano l’essenziale, poiché presentarsi al pubblico o davanti al Papa “ornato di gioelli o vesti di lusso” sembrerebbe come andare contro il nuovo corso Vaticano. Il Papa veste con un abito di circa 140 euro, mentre ancora la maggior parte dei Cardinali porta abiti da 800 euro, come mi è stato spiegato durante una indagine da me condotta in Vaticano e con il sostegno dell’Accademia dei Filomati, dove mi occupo di tematiche legate al mondo religioso. Questo nuovo “stile Bergoglio”, improntato all’essenziale si è scontrato contro il modo in cui il Vaticano si è presentato all’Expo 2015 di Milano, con oltre 3 milioni di euro spesi per lo spazio espositivo ecclesiastico. Il Pontefice ha mostrato il suo sdegno, il Papa argentino anche li avrebbe voluto sobrietà e semplicità. Questo anche sarà il succo del prossimo Giubileo, in cui il Santo Padre da tempo ha già iniziato a lavorare, preparando i fedeli al giusto comportamento e alla giusta “strada da intraprendere”, il Vaticano in collobarazione con lo Stato Italiano ha già iniziato a lavorare  in preparazione di questo grande evento, vigilando sul comportamento dei commercianti, sul modo di applicare i prezzi, e sull’eventuale presenza di abusivi. Notizia di questi giorni, sono le ulteriori decisioni di ridurre  il lusso anche tra i più alti esponenti del Clero. Infatti sempre meno si vedono auto blu, sempre meno si vedono Cardinali  e Vescovi in lussuosi ristoranti. Ancora una volta il Pontefice nelle sue ultime udienze ha ribadito ciò. Nella sua ultimà Enciclica, lo ribadisce in modo ulteriore, ed io stesso dopo una riunione nel Pontificio Collegio Messicano del quartiere di Monteverde Nuovo, posso confermarlo, grazie alle preziose considerazioni a me confidate da parte del Clero Latino Americano, “che cresce” in posti come questo collegio. Parlando con Padre Abel, ho avuto modo di percepire che lo spirito latino ha invaso la Chiesa, e come successe per San Giovanni XXIII, ci troviamo dinanzi ad un’altra nuova primavera spirituale.

 

ric-nard Riccardo Narducci

Laureato in Scienze delle Comunicazioni, Vaticanista e Redattore di Philomath News, collaboratore tecnico (tecn.te) dell’Associazione Filomati, ha pubblicato un libro dal titolo “Oltre Tevere” in vendita presso l’editrice Carmelina.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...