Convegno – La società è come un mosaico

mosaico-mani  La società è composta dalla diversità di tutti i suoi componenti. E’ come un mosaico. Se le tessere hanno tutte lo stesso colore, il disegno non esce fuori. Parla il presidente dell’Associazione Filomati dott. Danilo Campanella che, al termine della visita al forum sardo sta seguendo le linee guida per i lavori associazionistici del prossimo anno. La difficoltàprosegue il presidenteconsiste nel dare un ruolo a ognuno, proprio come le tessere del mosaico hanno tutte un posticino. C’è un posto per tutti, ma ognuno di noi deve stare al proprio posto. Il disegno è sempre uno solo a farlo, e si chiama Governo, ma le tessere non possono essere monocolore. Così si compone e si regge la democrazia. Se oltre a disegnare il progetto, si cerca di imporre anche un unico colore, quello si chiama Regime.

Quando avrà luogo l’assemblea generale?

Sicuramente a fine mese, o al massimo ai primi di ottobre. Tutti potranno seguirla e dare voti, proposte, consigli dal forumhttp://associazionefilomati.forumfree.it/

Seguirà il consiglio direttivo, a dicembre o direttamente a gennaio del nuovo anno.

Lei a gennaio entrerà nel terzo anno del suo mandato. Cosa sta cercando di portare avanti e cosa si aspetta dal futuro?

Mi aspetto di comporre un pezzo di questo mosaico. Il mio predecessore, Luca Masala, lo ha iniziato, io lo proseguo e altri seguiranno. Dobbiamo accettare di seguire tutti un unico disegno, ovvero lo schema tracciato dagli Statuti che descrivono le nostre regole, testimoniano i fini e gli scopi e la nostra storia secolare. In questo secolo siamo chiamati a difendere il diritto di ricerca, di studio e di istruzione, perché li abbiamo dati per scontati ma cominciano a venir meno. E non abbiamo ancora visto nulla. Dobbiamo aspettarci in molti Paesi l’eliminazione dell’obbligo all’istruzione elementare. Forse verrà motivata demagogicamente con intenzioni democratiche e liberiste, ma non lasciatevi ingannare. Sarà andare indietro nel tempo. Un popolo senza cultura è un popolo acritico e manipolabile. Non possiamo scindere l’etica pubblica dalla pubblica istruzione.

Michele Serra.

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...