Conosciamo un filomate: Francisco Goya

goyaI filomati non sono, e non sono stati soltanto scrittori, avvocati, avventurieri, scienziati, filosofi, mecenati, ma anche artisti. Nelle arti visive si sono cimentati prima nella pittura, poi nella scultura e, in tempi moderni, nella fotografia e nella cinematografia. Francisco Goya, pittore e incisore spagnolo (1746-1828) viaggiò tra la Spagna e l’Italia, dipingendo ritratti e incisioni. nella prima parte della sua vita lavorò prevalentemente su commissione di ricchi signori, che gli chiedevano ritratti di famiglia e battaglie militari. Interessanti sono le incisioni del Goya in cui l’artista, forse più indipendente da ristrettezze economiche e da pressioni esterne, si sbizzarriva in temi anche onirici. Un esempio per tutti è l’acquaforte “Il sonno della ragione genera mostri“. La scena del sonno della ragione rappresenta un uomo addormentato (probabilmente Goya stesso) mentre prendono forma, attorno a lui, sinistri uccelli notturni, inquietanti volti ghignanti e diabolici felini che, come suggerisce il titolo, sono il parto della sua mente. La sua appartenenza ad associazioni filomatiche non è tuttavia, ad oggi, accertata con esattezza.

“La fantasía abandonada de la razón produce monstruos imposibles: unida con ella es madre de las artes y origen de las maravillas”.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...